Note sul Copyright

Tutti i diritti riservati — Marchi e segni distintivi sono di proprietà dell’Associazione Ferrovie Siciliane  - AFS.

Tutto il materiale pubblicato su questo sito è protetto dalle leggi europee sulla proprietà intellettuale e non può essere riprodotto, distribuito, inviato, trasmesso, mostrato o pubblicato senza l’esplicita autorizzazione scritta del Webmaster o, nel caso di materiale di proprietà di terzi, del legittimo proprietario o autore.

 

 

Elaboriamo un “Caimano” Lima

 

di

 

Salvatore Scarcella

 

 

Il modello in scala H0 della locomotiva E 656 209, prodotta da Lima ormai da oltre 10 anni, ha segnato una svolta nella riproduzione in scala di materiale di trazione a disposizione dei tantissimi appassionati collezionisti. A distanza di alcuni anni dal suo acquisto ho pensato di sottoporlo ad alcuni interventi di restyling che vado, di seguito, ad illustrarvi.

 

Montaggio delle cornici Triplex MdF

 

La prima operazione è lo smontaggio delle semicasse del modello dal suo telaio. Successivamente, con una biro ho forzato dalla parte interna i vetri agevolando il loro distacco dal frontale. Con l’ aiuto di un cutter, ho eliminato le cornici originali facendo molta attenzione a non graffiare il vetro.

Quindi ho ricollocato nella loro sede i vetri “scorniciati” utilizzando della colla (Uhu o vinilica) e cercando di mantenerli a filo con il profilo frontale. A questo punto, dopo aver ritoccato di giallo gli sbrinatori, ho incollato le cornici Triplex e completato il tutto incollando al posto degli originali tergicristalli, quelli in fotoincisione di alpacca a corredo delle cornici stesse.

Per questa operazione, una volta sfilati gli originari tergicristalli, ho tappato prima i vecchi fori di alloggiamento con del plasticard di sezione circolare, quindi con una punta da trapano (0,7/0,8mm di diametro) ho realizzato il nuovo forellino al cui interno ho alloggiato i nuovi tergicristalli.

Infine ho ritoccato le parti interessate con del colore blu orientale.

 

Fanaleria e ghiere

Il modello Lima monta (per i fortunati che hanno ricevuto l’ aggiuntivo) delle ghiere un po’ bruttine, per rendere più realistico l’impatto è possibile ricorrere all’applicazione delle ghiere Roco (da richiedere come ricambio all’importatore Gieffeci) e, poiché la fibra ottica che li illumina non resta a filo di ghiera, riempire lo spazio necessario con del Micro Kristal Klear.

In alternativa si possono utilizzare (come nel mio caso) le ghiere in microfusione d’ottone, e relativo vetrino, commercializzate da Art-Model.

Per quanto riguarda invece i fanalini rossi di coda e quello verde, ho eseguito i necessari ritocchi prima con del colore argento per imitare le ghiere, poi con l’ aiuto di uno stuzzicadenti, ho applicato ai vetri il rosso e il verde.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Respingenti

Sul mio modellino ho applicato i respingenti Roco, ma vanno benissimo anche quelli in fusione d’ottone di MdF.

 

Pantografi

Ho sostituito i pantografi originari con una coppia Roco a strisciante piatto.

Per smontare gli originali, dopo aver sfilato le casse dal telaio, è sufficiente svitare via la vite che sostiene il pantografo alla cassa mediante un giravite piatto .

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Ritocchi e migliorie varie

Anche se le immagini non evidenziano il dettaglio, ho ritoccato alcuni particolari, come le serpentine sul tetto e le griglie d’ areazione; stesso trattamento ho riservato alle condotte pneumatiche e sottocassa.