Note sul Copyright

Tutti i diritti riservati — Marchi e segni distintivi sono di proprietà dell’Associazione Ferrovie Siciliane  - AFS.

Tutto il materiale pubblicato su questo sito è protetto dalle leggi europee sulla proprietà intellettuale e non può essere riprodotto, distribuito, inviato, trasmesso, mostrato o pubblicato senza l’esplicita autorizzazione scritta del Webmaster o, nel caso di materiale di proprietà di terzi, del legittimo proprietario o autore.

Il codice alfanumerico CCR e quello CTV

Il terzo sistema per riconoscere una  nostra carrozza ferroviaria è quello di decifrare il codice alfanumerico di ripartizione CCR, introdotto a partire dal 1974, posto all’estrema sinistra dei due lati del rotabile e composto  da scritte nere all’interno di un rettangolo giallo.

 

Questo codice è composto da una lettera maiuscola, che indica il tipo e la classe del rotabile, un gruppo di due numeri, che identificato le caratteristiche tecniche dello stesso (RIC; tipo carrelli; velocità; categoria freno; sagoma; etc…),  e un’altra lettera maiuscola ad individuare il tipo di riscaldamento o climatizzazione.

 

I codici alfanumerici sono fondamentali nell’esercizio ferroviario soprattutto in tema di composizioni e accoppiamenti. 

 

Vediamo due esempi nelle foto 5 e 6, qui di seguito: 

 

                                             (foto 5)                                                              (foto 6)

                          Foto 5.jpg      Foto 6.jpg

 

Il primo codice (B12L) identifica una carrozza passeggeri per Medie Distanze con Vestiboli Centrali (MDVC) di seconda classe con impianto di climatizzazione ma con divieto di circolazione internazionale. Il secondo codice (B25L) individua, invece, e una carrozza passeggeri tipo Z atta ai 200km/h sempre con impianto di climatizzazione e possibilità di circolazione internazionale.

 

Fin qui tutto apparentemente semplice ma, se andiamo a vedere quest’altra iscrizione ci sorge subito un altro quesito.

                                                                        (foto 7)


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Trattasi dei nuovi codici alfanumerici di tipologia veicoli (CTV).

 

Tali codici, di recente istituzione, e questa volta a 5 caratteri, sono riportati nelle prefazioni dei libri delle composizioni, e non di rado ci si ritrova con convogli di carrozze dove sono presenti in alcune i CCR, in altre i CTV, senza una logica o un criterio ben precisi.

 

Nell’esempio riportato in foto 7 si tratta di una carrozza di prima classe (A) con corridoio laterale (M) del tipo UIC-Z1 RIC atta ai 200 km/h (22) e impianto di climatizzazione (L).

 

Insomma la teoria la conosciamo ma evitiamo “sobbalzi” o delusioni se in alcuni casi ci possono essere difformità o storpiature nel riportare quanto finora detto. Sono sempre esseri umani ad applicare l’esatta iscrizione e, purtroppo, di errori se ne vedono tantissimi.

 

 

 

Iscrizioni e simboli sulle fiancate delle carrozze

 

Dando per scontato che, quando ci spostiamo,  siamo in grado di riconoscere le nostre carrozze, in base al servizio e alla categoria del treno (IC – Cuccette standard e comfort – Vagoni letto e via dicendo), a quale amministrazione appartengono (logotipo Trenitalia posto sui fianchi in prossimità del vestibolo a sinistra), la classe del rotabile, il divieto di fumo, la presenza di spazi per disabili etc…(ved. Foto 8, 9, 10 e 11), oltre ai precedenti e misteriosi “numeri” sussistono poi tutta una serie di simboli, pittogrammi e contrassegni che ci dettagliano in modo più esplicito e preciso le peculiarità di ciascuna carrozza.

 

                                      (Foto 8)                                                                                (foto 9)

            Foto 8.jpg            Foto 9.jpg

 

 

                                      (foto 10)                                                                                   (foto 11)

            Foto 10.jpg            

 

Ma per questa ed ultima sezione vi rimando alla Terza parte di questo lavoro che sarà pubblicata a settembre.

 

Adesso è tempo di vacanze !

 

Buona estate a tutti !!!

Foto 7.jpg

 

CONOSCIAMO E RICONOSCIAMO

 LE NOSTRE CARROZZE

 

(Seconda parte)

 

di

Gualtiero Palermo